Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy”.

Cos'è il Diabete


Il Diabete Mellito è una condizione caratterizzata da un patologico aumento della concentrazione di glucosio nel sangue.
Responsabile di questo fenomeno è un difetto assoluto o relativo di
insulina, ormone formato dalle cellule ß del pancreas ed
indispensabile per il metabolismo degli zuccheri.
Esistono due tipi di diabete:
Diabete di tipo I
Diabete insulino dipendente (tipo I o IDDM)
è caratterizzato dalla totale assenza di insulina (insulinopenia) e dalla presenza preponderante di glucagone (iperglucagonemia).
Diabete di tipo II
Il diabete non insulino dipendente (tipo II o NIDDM)
è determinato o da un’insufficiente produzione di insulina da parte del pancreas o dall’incapacità dell’ormone secreto di agire in maniera normale (insulino-resistenza).
Insulina e Glucagone

L’Insulina è un ormone prodotto dal pancreas la cui presenza è essenziale per consentire al glucosio circolante nel sangue di entrare nelle cellule, dove è utilizzato come deposito di energia.
Il Glucagone è l’ormone pancreatico con azione contrapposta a quella dell’insulina: promuove la fuoriuscita del glucosio dalle cellule.
Insulina e Glucagone regolano il flusso in entrata e in uscita del glucosio dalle cellule al fine di mantenere stabile la glicemia (concentrazione di glucosio nel sangue).
Insulina e Glucagone in pratica
Dopo un pasto l’aumento di glucosio nel sangue stimola la produzione di Insulina e inibisce quella di glucagone.
Di conseguenza il glucosio entra nelle cellule di fegato, muscoli e tessuto adiposo depositandosi come materiale di riserva.
Durante il digiuno la diminuzione di glucosio nel sangue promuove il rilascio di Glucagone ed impedisce quello di insulina.
In questo modo il glucosio depositato nelle cellule viene riversato nel sangue.
Quando si ha il diabete
La mancanza di Insulina (diabete di tipo I) o la carenza di Insulina (diabete di tipo II) impediscono al glucosio presente nel sangue di entrare nelle cellule, inoltre, l’eccesso di glucagone (diabete di tipo I e diabete di tipo II) determina il flusso contrario (il glucosio dalle cellule passa nel sangue).
La conseguenza principale di questa anomala situazione è un marcato incremento della glicemia nel sangue.
Quando la concentrazione di glucosio nel sangue supera la soglia di 180 mg/dL, i reni non riescono a trattenere ulteriori quantità di zucchero che si riversano nelle urine, aumentandone il volume.
Insulina e Diabete
In una persona non affetta da diabete, l’insulina prodotta dal pancreas viene distribuita durante la giornata secondo un criterio molto semplice:Viene prodotta ogni qual volta il fisico la richiede.In particolare si può dire che l’Insulina viene liberata in una quantità definita basale (per permettere al fegato di produrre il glucosio utile alle funzioni fisiologiche: cervello, ecc.), ed in una quantità superiore in prossimità dei pasti (“boli”). Nei pazienti affetti da diabete mellito si deve cercare di simulare al meglio la secrezione del pancreas,iniettando dall’esterno l’insulina necessaria al fisico.La somministrazione dell’insulina avviene per via sottocutanea, con insuline artificiali simili a quelle umane, attraverso l’uso di siringhe, penne o microinfusori.
Dosaggio Insulinico e Principi della Terapia Insulinica
Il dosaggio insulinico necessario varia da soggetto a soggetto, e, dato che è influenzato da diversi fattori, non è mai costante.Questo è il motivo per cui la terapia insulinica può richiedere frequenti modifiche dei dosaggi. Lo scopo principale della terapia insulinica è quello di fornire una copertura basale costante nell’arco delle ventiquattro ore. Per compensare l’effetto iperglicemizzante dei pasti si deve inoltre prevedere la somministrazione di boli prandiali (prima dei pasti).